PENSIONI: RAPINA DEL GOVERNO, MONTI HA TAGLIATO LE PENSIONI DI REVERSIBILITA’

Area dedicata alle Vittime della Crisi, suicidi, tagli pensioni, licenziamenti.

PENSIONI: RAPINA DEL GOVERNO, MONTI HA TAGLIATO LE PENSIONI DI REVERSIBILITA’

Messaggio da leggereda Redazione » 26/01/2012, 18:23

PENSIONI: RAPINA DEL GOVERNO, MONTI HA TAGLIATO LE PENSIONI DI REVERSIBILITA’

immagine ridotta, clicca per ingrandire

ROMA 26 GEN – Rapina ai pensionati per effetto della manovra Monti. Mese amaro per i pensionati italiani, da gennaio 2012 le pensioni si sono ridotte. Migliaia di pensionati negli uffici inps a reclamare per la diminuzione delle pensioni. Il tutto nel silenzio assordante del parlamento italiano, complice dei tagli del governo Monti sulle pensioni di reversibilita’.

Pensionati con cumuli di pensioni, per totali inferiori a 1.000 euro al mese, si sono visti decurtare l’assegno della pensione di oltre 100 euro al mese. I pensionati infuriati, si rivolgono agli uffici dell’inps per chiedere spiegazioni, ma oltretutto vengono trattati da “scemi” e, liquidati dagli impiegati con un semplice: “Abbiamo fatto i conti, ed in base alla nuova legge, lei prendeva “troppo” di pensione ed abbiamo diminuito la reversibilita’. Ma negli uffici inps, c’era anche chi si è visto diminuire la pensione di oltre 200 euro al mese.

Tutto il parlamento, i sindacati e la stampa concentrati sui famosi aumenti delle minime e doppie delle minime e, nessuno si è accorto che Monti stava rapinando i pensionati, avendo tagliato i cumuli di pensioni (le reversibilita’) per tutti, anche per chi prendeva pensioni che nel totale erano inferiori a 1.000 euro al mese. Un vero scandalo nazionale fare cassa con i piu' deboli, complici del governo Monti: pdl, pd e terzo polo e con il silenzio assordante dei sindacati e della stampa.

Abbiamo preso i dati di una pensione di esempio:
fino a dicembre 2011 prendeva 979 euro al mese (compreso di pensione e reversibilita’ coniuge defunto);
dal mese di gennaio 2012, lo stesso pensionato ha preso 877 euro.
Una pedita mensile di 102 euro.
Per un totale di perdita annua (13 mensilita’) di 1.326.00 euro.

Alla faccia di avere salvato i pensionati, al minimo ed al doppio del minimo. Bugie, sono quelle raccontate dal governo e dai parlamentari che hanno approvato il taglio delle pensioni di reversibilita’. In pratica, il pensionato oltre a subire un forte aumento dei prezzi, nel mese di gennaio 2012, trova la sorpresa: la pensione è diminuita.
Redazione UmbyWeb Notiziario Edicola OnLine
Se ti piace, Visita gli sponsor e iscriviti gratis
Avatar utente
Redazione
Moderatori globali
Moderatori globali
 
Messaggi: 14586
Iscritto il: 16/03/2010, 11:20

Torna a Vittime della Crisi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron